MENUMENU
lunedì 21 gennaio

La Sicilia dei supersconti

Chi avrebbe mai detto che per attirare gente in Sicilia sarebbe stato necessario fare offerte speciali e cedere per esempio case al prezzo di un euro, come per ultima ha pensare di fare Sambuca di Sicilia? Combattere lo spopolamento con tali mezzi significa intervenire sugli effetti ma non sulle cause di un fenomeno che cresce in rapporto alla decrescita economica e sociale dell’isola. Iniziative come quella sambucese si vanno ripetendo al punto che persino il presidente della Regione ha invitato forestieri e stranieri a vivere in Sicilia, ma certo non fanno il bene della regione. Che ha bisogno di siciliani e non di operare come un esercito che arruoli mercenari. Non potendo e non sapendo curare il male, ci addiciamo a sperimentare trovate che altro risultato non possono avere che di fare sensazione. Un conto è incentivare l’inurbanesimo – come in Toscana e in Umbria, dove sono centinaia gli stranieri che hanno spontaneamente comprato casa – assicurando i migliori servizi e un altro offrire supersconti ma non servizi.

E Grasso chiese a Provenzano: “Facciamo qualcosa per la Sicilia?”
CAMILLERI ATTO SCONCERTANTE

E Grasso chiese a Provenzano: “Facciamo qualcosa per la Sicilia?”

Subito dopo la cattura del successore di Riina, l'allora procuratore nazionale antimafia gli si rivolge nello spirito di quella che poté sembrare una proposta di "trattativa": la stessa anagrafe siciliana perché fossero prese iniziative comuni a vantaggio dell'isola

Vedo il mondo nel mio giardino popolato di uccelli e di fiori
TESTI INEDITI NELLA NATURA

Vedo il mondo nel mio giardino popolato di uccelli e di fiori

A novembre erano già spuntati i boccioli e aspettavo con impazienza che scoppiassero. Roma mi ammoniva: «Porta pazienza, signor Turi, sbocceranno più tardi di mesi». Pochi giorni dopo è apparso un bel fiore, il solo

ARTICOLI PIÙ LETTI

CAROSELLO ARTICOLI